il viaggio secondo (parte I)

ore 18,37 del 19 giugno 2008
da un eurostar diretto verso casa.

il mio secondo viaggio sola è stato totalmente diverso dal primo!.. xkè emozionante, stressante e.. impressionante!
mentre al primo sono stata la previdenza fatta persona.. stavolta sono stata la persona dell’ultimo momento.. e ci aggiungerei anche un po’ inconsciente!

e così il giorno della partenza faccio la valigia un’ora prima (la scorsa volta la feci la sera prima!) fortunatamente non scordando niente.. o almeno niente di fondamentale e vitale!
nello scompartimento capito con due sorelle della provincia della mia città.. studentesse della sapienza (xkè la sapienza è la SAPIENZA!).. 2 maniache dell’ordine e della pulizia che costano ai genitori “appena” 1200 euro al mese.. a testa!.. si perchè non possonono mica rinunciare alla macchina, al garage, alle sigarette, alla donna delle pulizie e all’estetista (oltre che mi sa che hanno entrambe le extantion ai capelli!).. vabè.. fortunatamente se ne vanno presto nel vagone ristorante dove c’è la presa per il portatile e il tavolo per studiare.. loro sono abituate all’eurostar.. così mi dedico alla mia attività preferita: dormicchiare! almeno finchè non sono saliti un uomo e una donna, sposati.. di mezza età che non facevano che parlare al cellulare!!.. imperterrita resto nel mio dormiveglia.. penso e sogno.. sogno cosciente! e sogno di cose belle e definite.. un film di desideri.. e mi ci crogiolo dentro.. dopo qualche ora sale un ragazzo (olees!).. alto (olees!).. carino (olees!).. proprio di fronte a me (oooleeess!).. peccato per quella gazzetta dello sport che stava spiegata tra me e lui con una mega scritta in prima pagina: “Viva l’Italia!”.. vabè.. lettore alle orecchie e riprendo a dormicchiare.. orario previsto di arrivo: 21,39.. orario effettivo: 21,55 e la metro chiude alle 22!!.. scendo di corsa e inizio a correre.. con i bagagli!.. fortuna che il biglietto già ce l’ho.. avanzato dall’altro viaggio.. seguo le indicazioni e poi ci sono già stata tante volte!!.. timbro il biglietto mentre una voce dall’alto mi dice che sta per partire l’ultimo treno.. caxxo! prendo le scale (non le mobili che sono lente!).. volo giù.. continuo a seguire le indicazioni perchè non sono ancora totalmente di casa e.. e mi guardo intorno.. e la linea A?? vedo solo indicazioni per la linea B!!.. AIUUTOO!!.. dove mi hanno nascosto la linea A???.. risalgo una megagradinata sempre con i bagagli (..e la giacca.. perchè sul treno era inverno!) così in fretta da farmi male le gambe (si, perchè nonostante i miei 24 anni.. sn già ridotta un rottamino fisicamente!..sigh!).. mi guardo attorno cercando di capire.. ok! calma! respiro.. riscendo le scale, sempre di fretta e sempre con i bagagli e la giacca!.. e leggo sotto l’indicazione blu della linea B la mega indicazione rossa della linea A!.. (che rincoglionita!).. direzione anagnina.. destra!.. poggio le borse.. 1 minuto all’arrivo!.. oleees.. (la voce forse si riferiva evidentemente alla partenza dal capolinea.. che cogliona!) ma la giacca ce la faccio a togliermela??!..ok.. si! la tolgo!.. di fretta.. ecco il treno!.. ficco la giacca in borsa.. si ferma.. riprendo i bagagli, salgo.. c’è posto! mi siedo e tiro un respiro di sollievo! =) ce l’ho fatta!.. mi guardo intorno.. sono circondata da donne! quando poi mi accorgo che c’è troppo silenzio!.. mi manca qlcs.. qlcn.. mi manca la voce!! la voce dall’alto che indica la prossima fermata, la fermata e la direzione di uscita!.. non c’è!.. dorme??!.. ho sempre pensato che ai romani deve stare un po’ sulle p.. e onestamente lo stava diventando anche x me.. però mi manca adesso..! anche perchè ciò comporta che devo stare attenta a guardare fuori per leggere la fermata o a contare le fermate..!.. uff!.. grosso sforzo per me stare attenta a queste cose!.. perchè penso.. e mi distraggo.. un paio di volte ho temuto di non farcela.. ma ce l’ho fatta!.. poi dritta a “casa”!.. perchè.. sempre da rincoglionita che sono.. sul treno avevo pensato di avvisare i miei cugini di venirmi a prendere all’uscia della metro.. nella metro!!!! (cogliona 2!)
li incontro x strada e poi.. cena e nanna!

il giorno dopo.. penso bene di alzarmi comodamente alle 10! (si.. nella capitale è una caxxata.. ma io sono pigra ovunque! =P ).. mi preparo con calma la colazione.. latte e caffè.. bene! vedo subito la macchinetta del caffè.. e il caffè?!.. chiamo mio cugino che sta studiando già da due ore.. e lui: “non so dov’è.. io non lo faccio mai!”.. ah!.. torna per caso mia cugina a casa.. poco dopo essere uscita (un classico della mia famiglia) e mi dice che è in frigo!.. ah! non ci sarei mai arrivata!.. apro la caffettiera e inizio a versarci il caffè con un cucchiaino molto accuratamente.. x evitare di sporcare.. contenta della mia opera, poco prima di chiudere mi dico: “e l’acqua?!” (cogliona 3!).. tolgo il caffè.. metto l’acqua e riverso accuratamente il caffè con di sottofondo le risa di mio cugino!.. a casa mia il caffè si fa con la macchinetta dell’espresso.. tipo bar.. tipo eh!.. metto il caffè sul fuoco insieme al latte.. nel frattempo prendo la tazza (so dov’è..) e accendo il pc.. i biscotti??!.. ecco che arriva il bustone dei biscotti da latte della nonna!.. non li mangio a casa mia ma li mangio a 550km da lei!.. ok… esce il caffè.. il latte è caldo.. (e si! anche d’estate il latte lo voglio caldo!) li verso nella tazza.. prendo il contenitore della polvere bianca.. la verso.. giro.. assaggio.. latte salato!! nooo!!! (mio cugino ride ancora!).. ma la mia calma e tranquillità non è turbata affatto.. riscaldo altro latte e uso il caffè rimasto.. perchè a me il latte piace macchiato.. macchiato leggero!.. stavolta prendo lo zucchero che è dentro il contenitore con su scritto zucchero e non il sale che è coerentemente dentro il contenitore con su scritto caffè.. quindi faccio i miei comodi al pc.. poi mi doccio con calma.. rifaccio il letto.. sistemo la valigia.. stiro il pantalone alla meno peggio e poi arriva mio cugino: “sono le 12,25 non dobbiamo mangiare?!”..azz!.. siii!! alle 13 devo uscire!!.. preparo sugo al tonno e pasta al dente.. la divoro e finisco di prepararmi.. trucco al minimo e messa in piega veloce.. mentre mio cugino ride del mio ritardo tipico di donna e mi rimprovera di aver cazzeggiato prima.. (uff!!) ..corro via.. e sn alla fermata dell’autobus alle 13,23!.. se faccio tardi.. bella figura!.. e dire che l’altra volta ero arrivata un’ora prima!!.. stavolta.. 5 min prima!.. grazie alla frequenza di quei cari autobus (altro che quelli della mia città!) e al traffico ridotto dell’ora!.. e c’è pure l’aria condizionata!! wow!.. peccato che spara dritto tra il mio collo e la mia spalla sinistra.. ora capisco perchè la signora invece di scivolare lei al finestrino mi ha fatto passare!!.. 27 fermate in 35 minuti.. scendo.. attendo altri 6 o 7 min e arriva l’altro autobus.. 5 fermate e arrivo all’ingresso dell’azienda alle 14,23.. ora mi attende solo una mega salita da fare a piedi sotto il sole, con le scarpe che mi stanno facendo un male e i pantaloni che mi cadono! (non sono dimagrita io.. sono loro che si sono allargati!).. eccomi finalmente alla reception.. dico chi sono e loro già mi aspettavano.. come sempre e come sempre non azzeccano l’accento del mio cognome! vabè.. sala d’attesa.. 5 min e arriva una signorina che mi chiama (sbagliando anche lei l’accento) e mi conduce attraverso porte che si aprono con schede, scale, uffici con la moquette a terra.. corridoi.. e poi la porta con il nome del “mio” senior executive!.. azz! entriamo, scambia qlk battuta col tipo che intanto mi stringe la mano.. forte! cerco di rispondere altrettanto ma lui quasi me la stritola!.. poi la signorina va via e siamo soli!.. azz!.. qlk secondo di agitazione e poi sto tranquillissima.. sembra solare (scopro poi che è napoletano..), molto accomodante e garbato e più giovane di quello che mi aspettavo.. la stanza è piccola.. c’è un tavolo al centro.. siamo seduti uno di fronte all’altro.. ma lontani.. la scrivania è un po’ lunga!.. lui ha il portatile davanti col monitor abbassato e la mia scheda tra le mani.. la sfoglia un po’ e poi inizia dicendo che questo colloquio è diverso dagli altri.. e continua parlando di collimazioni.. di mie caratteristiche e potenzialità.. di matrimoni (tra me e l’azienda) duraturi.. di tipi di lavoro.. e dopo questo “pippone” (sue testuali parole) iniziamo a conversare dei miei studi, del mio lavoretto, di ciò che mi piace o potrebbe piacermi, del mio tempo libero, degli inconvenienti dell’essere fuori sede.. e del perchè lì! (domanda di cavolo ma intanto la fanno!).. mezzora di chiacchiere tranquille poi: “domande?”.. eehhmm.. mente bianca risponde: “no!” e poi mi riaccompagna gentilemente all’ingresso.. direzione casa.. telefonata a mamma: “come è andata?”.. io:”boh!”.. gelato ai cuginetti per l’ospitalità.. mi cambio.. sistemo la valigia e direzione termini!..

sono nettamente in orario.. e il mio treno è in ritardo di 10 min!.. giusto i 10 min che ho per prendere la coincidenza dopo!.. e mentre attendo sul tabellone delle partenze che appaia il “mio” binario mi accorgo di essere circondata da una marea di gente fissa a guardare il tabellone con me.. wow! che cosa strana!.. il binario tarda ad apparire.. spero che non sia lontano da dove sto.. partenza prevista 17,26.. sono le 17,20! uff! dovrò correre ancora!?.. e poi scommetto che la mia carrozza è l’ultima!.. ecco che appare!.. binario 12! oles! è lì.. vedo un po’ di gente andare nella mia stessa direzione.. il treno arriva e si ferma.. tutti prendono posto davati la porta della loro carrozza.. che non si apre.. l’attesa nervosa degli altri mi mette ansia!.. ma poi si aprono e tutti corrono a sedersi.. ok! ci sono!.. mi siedo.. apro il libro (la casa del sonno) e cambio mondo!.. quando arriva il controllore, gli dò il mio biglietto e vedo che lo sta vedendo troppo a lungo.. e mi fa: “questo biglietto è datato 20 giugno”..ed io: “ah! e oggi che giorno è??”…e lui:”19”.. ed io: “ah!..emmò??”..”ora deve pagare il biglietto di oggi più una sovratassa di 50 euro per un totale di 94euro”.. “ah!……..oook”.. apro la borsa e.. “ma io ne ho solo 70! emmò??”..”ora vediamo… ha altri 4 euro?”..”si!”..”ok.. paga 74! e questo se lo fa rimborsare”.. “ok..grazie 1000!!!” (che figura!)..”sa è che io il biglietto per oggi lo avevo, solo che poi ho dovuto cambiare orario e il tipo della stazione della mia città ha anche cambiato giorno e non me ne sono accorta” (cerco di non passare x rincoglionita totale e dico la verità!).. è quando accadono queste cose che.. che mi demoralizzo..
conservo i biglietti e mi accorgo che in quella bustina mancano il correttore, la matita per gli occhi e il rossetto che avevo coerentemente conservato lì.. uff!.. li ho lasciati a roma??!.. chiamo mio cugino: “vedi in bagno?”..”no..non c’è niente!”.. uffi!uffi!uffi!.. mi demoralizzo ulteriormente.. guardo a terra.. e stavano lì! (rincoglionita ancora una volta!)
quindi mi viene voglia di scrivere.. ho il foglio ma non la penna.. uff! pure stavolta senza penna.. eppure ricordavo di averla presa la penna bic da 70cent recuperata la scorsa volta da uno dei 1000 giornalai della stazione termini (unica cosa aperta all’alba..) per compilare il rimborso!.. ora la chiedo alla ragazza che mi siede di fronte.. è bassina e rotondetta.. un po’ diffidente.. ha le cuffie da qnd siamo partite.. non una parola scambiata.. la chiedo? o non gliela chiedo?.. ci sto pensando troppo.. uff! così non mi esce spontaneo!.. prendo coraggio e “scusa……s c u s a.. SCUUUSAAA!!!” faccio segno con le mani.. non mi sente!.. e lei:”sii?”.. “hai una penna?” ..”si..”..”grazie!” e le sorrido.. ora sono arrivata alla fine della terza pagina.. la ragazza penserà che sono piuttosto strana..!.. intanto io scopro che lei è ostetrica e che una sua amica è da poco incinta e parlano di travagli!!.. ora gliela ridò.. ma non escludo che possa capitarmi altro fino a 00:33 quando è previsto il mio arrivo.. solo che il treno non sta che accumulando ritardo e la mia coincidenza è seriamente messa a rischio!
e tutto questo per mezzora (e neppure) di conversazione con un tipo!!.. un tipo che potrebbe cambiarmi la vita!!

continua…

il viaggio secondo (parte I)ultima modifica: 2008-06-20T21:05:00+02:00da es-senza83
Reposta per primo quest’articolo

4 pensieri su “il viaggio secondo (parte I)

Lascia un commento