sono a ROMA!

viaggio piuttosto stancante.. (l’aria condizionata faceva i capricci.. e i finestrini erano rigorosamente chiusi..) passato quasi del tutto in dormiveglia con qlk momento di veglia per poter leggere qlk pagina di una cosa noiosissima che mi hanno dato il giorno dell’assunzione..

niente musica!  =( 

e niente libro!!  =(

 

solito incontro di persone strane (e x qst interessanti!)… e puro ozio.. e forse l’inizio di un pensiero che credo mi accompagnerà sempre più forte per un bel po’..

 

arrivo quasi in orario (da non credere!).. lotto col trolly nuovo ma un dipendente delle ferrovie mi aiuta a scendere dal treno!! si xkè nessuno mi attendeva alla stazione.. come sempre.. me ne vado piano piano alla metro.. stavolta la strada la so bene.. arrivo qlk secondo prima che arriva lei.. entro, mi siedo ed entro in trance.. ancora non realizzo.. e poi penso alle mie cicliche fasi:

 

1. WOW.. magari!

2. ..proviamo!

3. caxxo! ma perchè??

4. gggrrrr.. PERCHE’????

5. uffi..perchè?

6. basta perchè!

7. ok! sto bene così..!!

8. ricomincia da 1.

 

mi riprendo giusto due fermate prima della mia… scendo.. mi faccio uccidere da trolly e scale.. arrivo e.. nessuno ad attendermi a casa.. come sempre..

 

doccia.. fredda e capricciosa! anche lei!! prima qlk goccia… ma nn mollo! ne ho bisogno!!.. e poi all’improvviso il miracolo: esce forte!!.. pressione? incrostazione?!.. boh!! mistero!

mi cambio.. apro frigo e dispense.. quasi del tutto vuoti.. mangiucchio il mangiucchiabile e prendo il pc.. riuscirò a collegarlo a internet??!.. sono piuttosto preoccupata.. senza internet.. in una casa.. da sola.. è un suicidio!! (si lo so.. me la sono cercata!)

ma riesco.. più facile del previsto!!.. e sono qui a pensare al nuovo pensiero che inizia ad infilarsi tra i 1000 altri confusi e contorti e intrecciati e incastrati pensieri che ho…

 

“ho fatto la cosa giusta??!.. la cosa giusta per me?!.. per come sono io… per ciò che mi sta bene e per ciò che desidero??!.. per ciò che mi fa bene??!!”

sono a ROMA!ultima modifica: 2008-07-20T16:35:33+02:00da es-senza83
Reposta per primo quest’articolo

15 pensieri su “sono a ROMA!

  1. tranq…hai fatto la kosa giusta
    Xkè nn es?….xkè ho la maledetta abitudine d kiamare a modo mio tt le xsone kon le quali stringo una qualsiasi forma d rapporto e visto ke anke tu 6 una ospite del mio kastello, devo trovare un modo tt mio d kiamarti
    e poi es è troppo impersonale…nn m piace kiamare ki viene spesso da me x nick e visto ke nn posso kiamarti x nome, devo trovare qualkosa d leggermente + intimo, o amikevole,meglio dire kosì ke sennò kissà ke kapiskono quelli ke leggono….
    bacino

  2. Quando io ho deciso di andare a vivere in un’altra città ero straconvinto di stare facendo la scelta giusta e nonostante non sia andato tutto come mi aspettavo ne sono ancora convinto. Una volta Roma sarebbe stata la mia prima scelta. Jack

  3. Perchè a roma non è stato possibile.
    Se qualcuno da oggi in poi ti mettesse i bastoni tra le ruote e cercasse con ogni mezzo (legale ed illegale) di distruggere la tua scelta e continuasse fino a quando tu non decidessi di tornare indietro tu che faresti? Jack

  4. ehehe es…sarà perkè abbiamo la stessa età e quindi affrontiamo le stesse paure e viviamo le stesse esperienze?
    Voglio postarti una cosa ke lessi tempo fa..e mi fece riflettere cosi tanto che alla fine comprai il libro:

    “Poi non è che la vita vada come tu te la immagini.
    Fa la sua strada. E tu la tua. E non sono la stessa strada.
    Così… Io non è che volevo essere felice, questo no.
    Volevo… salvarmi, ecco: salvarmi.
    Ma ho capito tardi da che parte bisognava andare: dalla parte dei desideri.
    Uno si aspetta che siano altre cose a salvare la gente:
    il dovere, l’onestà, essere buoni, essere giusti. No.
    Sono i desideri che salvano. Sono l’unica cosa vera.
    Tu stai con loro, e ti salverai. Però troppo tardi l’ho capito.
    Se le dai tempo, alla vita, lei si rigira in un modo strano, inesorabile:
    e tu ti accorgi che a quel punto non puoi desiderare qualcosa senza farti del male.
    E’ lì che salta tutto, non c’è verso di scappare,
    più ti agiti più si ingarbuglia la rete, più ti ribelli più ti ferisci.
    Non se ne esce. Quando era troppo tardi, io ho iniziato a desiderare.
    Con tutta la forza che avevo. Mi sono fatta tanto di quel male
    che tu non te lo puoi nemmeno immaginare.”

    —>Segui i tuoi desideri..non sbaglierai..e se non va come ti aspetti almeno ci avrai provato.Meglio una delusione che un rimpianto

  5. Era solo una considerazione sul fatto che a volte una persona fa dei programmi decisi da lui ed altre persone di propria volontà cercano di imporgliene degli altri. Mi chiedo se una persona è libera di scegliere ciò che presumibilmente pensa possa renderlo felice oppure deve vivere una vita stabilita da altri solo perchè gli altri sono convinti che quello che piace a loro necessariamente debba piacere a tutti. Jack

Lascia un commento