di un dilagamento

ieri sera.. di ritorno da lavoro.. sempre su quello stesso autobus di ogni giorno.. ultimo sedile in fondo a sinistra.. mi è scesa una tristezza fortissima e improvvisa!!.. come se tutta quella che ultimamente non c’è stata o che forse in qualche modo ho represso.. non espresso.. fosse dilagata allora.. come il sangue di una ferita.. prima di uscire ha un attimo di esitazione e poi.. poi dilaga rosso.. denso.. caldo.. e così la mia tristezza.. nera.. intensa.. stanca.. e me la godevo.. appieno! nella musica.. quella musica che ho ascoltato poco o distrattamente in settimana.. fin dentro le ossa.. fino in fondo all’anima.. lasciata totalmente libera di tormentarsi.. di crogiolarsi nella solitudine di chi vuol star solo.. sola.. niente cellulare.. niente comunicazione col resto del mondo.. anche la vista ho azzerato.. solo a volte vedevo il mare di auto che mi circondava.. mentre io annegavo dolcemente.. senza terrore.. con amore verso me.. da me.. autodispensato.. testa tra le braccia.. mani tra i capelli.. gambe tra le gambe.. mia.. mie.. mie.. miei.. mie.. mie..

di un dilagamentoultima modifica: 2008-09-27T17:38:02+02:00da es-senza83
Reposta per primo quest’articolo

2 pensieri su “di un dilagamento

  1. mmmm .. credo ke qando si perde sangue il tatto con e più degli altri sensi diventi molto meno sensibile xciò nn so fino a ke punto si possa sentire un corpo caldo .. hai presente qando ti si addormenta un piede???? =P cmq nn sn un medico magari kiediamo a lui 😉 b domenica 🙂

Lascia un commento